Via Senese 184 - 50124 (FI)
Telefono - Fax: 055/2320064
info@cimiteroevangelicoallori.it

I NOSTRI SERVIZI

STORIA

ORARI

EVENTI 

Regolamento cimiteriale

Fai una donazione

Benvenuto/a

Il Cimitero Evangelico agli Allori

Sulla via Senese, alle porte di Firenze, in prossimità del Galluzzo, si apre un luogo di grande interesse, il Cimitero Evangelico “agli Allori”.
Nel 1878 le chiese evangeliche fiorentine (Anglicana, Battista, dei Fratelli, Luterana,Riformata Svizzera, Valdese) aprirono il Cimitero Evangelico “agli Allori” per allori345dare degna sepoltura ai non cattolici che non venivano accolti dai cimiteri della città, soprattutto dopo la chiusura del Cimitero degli Inglesi in seguito alla legge che decretava in 100 metri la distanza minima dei cimiteri dal centro abitato.
Questo luogo ha dato accoglienza a tante importanti figure italiane e straniere che, attratte dalla cultura rinascimentale e cosmopolita della città dove natura, arte e vita si coniugavano mirabilmente, hanno contribuito alla sua ricchezza culturale nutrendosi ai suoi valori artistici e civili. Qui riposano tanti grandi nomi del collezionismo e della storia dell’arte: da Frederik Stibbert a Sir Harold Acton, da Roberto Longhi a John Pope Hennessy a Herbert Percy Horne; ma anche artisti, come il pittore svizzero Arnold Boecklin (autore del celebre quadro l’Isola dei Morti, ispirato peraltro al Cimitero degli Inglesi), l’architetto Leonardo Savioli e il pittore tedesco Hans-Joachim Staude.
Molte sono anche le donne qui sepolte, artiste, intellettuali, scrittrici come Oriana Fallaci, Ludmilla Assing, Jessie Taylor Hillebrand, Vernon Lee, Elizabeth Boott Duveneck, Sofia Besobrasova De Gubernatis, Dorothy Nevile Lees. Accanto a loro, tanti altri grandi nomi, ma anche figure meno conosciute, non meno degne di essere commemorate. Il cimitero, dunque, si offre come testimonianza, documento di vita, monumento d’arte, vero e proprio museo all’aperto che accoglie significativi brani della scultura e delle arti applicate tra Otto e Novecento. I più importanti scultori toscani vi hanno lasciato traccia, dai Fantacchiotti ai Romanelli, dai Betti al Costoli, Corrado Feroci, Antonio Maraini e accanto a loro gli scultori stranieri che avevano scelto Firenze come Adolf von Hildebrand. Nei marmi scolpiti sono documentate le correnti del linguaggio accademico purista e del realismo, dell’Art Nouveau, del Simbolismo, del Déco, articolate in un raffinato inventario di stili.
Nell’ultimo anno si sono tenute varie manifestazioni culturali al fine di valorizzare e far percepire questo luogo come culturalmente vivo, considerando proprio le personalità sepolte e la bellezza artistica e architettonica del luogo. Oggi il Cimitero agli Allori accoglie i credenti di ogni confessione religiosa insieme ai non credenti

Restauro della tomba
del pittore svizzero Arnold BÖCKLIN  

Il restauro si è potuto realizzare grazie al finanziamento del progetto Adotta un monumento da parte della Fondazione La Residenza e al generoso impegno del suo presidente Alberto Fossati.  Il restauro è stato eseguito dalla ditta Alberto Casciani: Conservazione e Restauri.  

Adotta un monumento

PRIMA

Il monumento funebre è composto da un’alta colonna scanalata, conclusa da un capitello in stile dorico ed un cratere, che poggia sopra ad un basamento composito a pianta quadrata.
Prospicente il basamento si trovano due lastre sepolcrali a pianta rettangolare delimitate da una recinzione in quadrello di ferro rivestito da una lamina in rame. Sulla faccia anteriore del basamento e sulle lastre sepolcrali si trovano le iscrizioni funebri realizzate con lettere a rilievo in bronzo. Ai quattro vertici di ciascuna lastra si vi sono delle borchie anch’esse in bronzo in buone condizioni di conservazione.

DOPO!

Tutti gli elementi lapidei sono realizzati in travertino.Il monumento funebre è composto da un’alta colonna scanalata, conclusa da un capitello in stile dorico ed un cratere, che poggia sopra ad un basamento composito a pianta quadrata.
Prospicente il basamento si trovano due lastre sepolcrali a pianta rettangolare delimitate da una recinzione in quadrello di ferro rivestito da una lamina in rame. Sulla faccia anteriore del basamento e sulle lastre sepolcrali si trovano le iscrizioni funebri realizzate con lettere a rilievo in bronzo. Ai quattro vertici di ciascuna lastra si vi sono delle borchie anch’esse in bronzo in buone condizioni di conservazione.
Tutti gli elementi lapidei sono realizzati in travertino.

Altri restauri in cantiere

Grazie alla collaborazione dell’Associazione degli Amici degli Allori altri restauri si sono già realizzati e altri si realizzeranno.  A breve ve ne daremo notizia!